fbpx

Follow us

the PINK PILL

Il sushi in 3D arriva a Tokyo: la visionaria idea di Open Meals

Dopo le case stampate in 3D arriva anche l’innovazione digitale nel mondo del sushi. 

In Giappone si progetta il sushi stampato in 3D. Questa è l’idea visionaria di Open Meals, la start up giapponese specializzata in digital future trends nel mondo del food.

Siamo convinti che sapersi adattare al cambiamento e viverlo realmente con presenza, senza subire e basta, sia una delle skill contemporanee più importanti.
Viviamo un cambio di era vero e proprio ma continuiamo spesso a rimanere nel nostro, senza dare uno sguardo a ciò che di incredibile accade fuori.

Per questo per noi cambiare significa diventare persone migliori, perché il cambiamento ti permette di essere e di riscoprirti in modo continuo.

 

L’incredibile innovazione nel mondo del food è legata al sushi, il cibo esotico più amato da tutti, italiani compresi che spesso tendono a snobbare i cibi e le usanze culinarie di altri Stati.

È diventato un po’ una moda, c’è da dirlo, ma mai voltare le spalle a un trend!

Il progetto del sushi in 3D è stato presentato nel corso dell’ultimo Sxsw di Austin, in Texas, con l’intenzione di aprire e dar vita all’idea, con l’apertura del locale Sushi Singularity, nel 2020, a Tokyo.
L’idea geniale consiste nel produrre per ognuno dei clienti un sushi personalizzato in base alle analisi di saliva e urine.

 

COME VIENE PRODOTTO IL SUSHI IN 3D?

Non aspettarti uno chef stellato dietro al bancone della cucina, il protagonista indiscusso è FFM (Food Fabrication Machine), una cucina high-tech che unisce meccanica e digitale. Una macchina capace di scomporre tutti gli elementi di un alimento e riprodurli in scala centimetrica, grazie ad algoritmi basati sulle caratteristiche fisiologiche.

Da questo processo nasce il nostro alimento 3D stampato in gelatina che da vita a piatti extra-ordinari.

 

L’unicità di questo progetto risiede in un ulteriore servizio che la startup offre ai suoi clienti: la personalizzazione delle portate. Dopo la prenotazione si fornisce anche “l’health test kit” (kit per test di salute, comprensivo di tampone salivare e flaconi per le urine e le feci) e si avrà così la possibilità di conoscere le carenze nutrizionali del cliente.I piatti in 3D si arricchiscono di aromi e ingredienti che possono migliorare i valori nutrizionali del cliente.

L’idea ti sembra un tantino folle?
Forse lo è, ma l’evoluzione è anche un po’ follia.

Per avere delle soddisfazioni bisogna osare, prendere dei rischi e non accontentarsi della routine. Dobbiamo uscire dalla nostra comfort zone, fisica e soprattutto mentale.

 

Persino il sushi ha avuto il suo risvolto in chiave digitale.
Dovremmo dire addio agli ormai classici sashimi, maki e nigiri?
Forse no, ma che meraviglia sarebbe provare questi sushi in 3D creati appositamente per noi?

È bene ricordare che siamo la generazione del cambiamento, della tecnologia che si evolve a vista d’occhio, delle nuove possibilità. E questa storia ne è un’ulteriore conferma.

Siamo la generazione che ha disposizione tutti gli strumenti per dimostrare (ai “grandi”, che alle volte si dimenticano la magia della felicità e che non hanno ben compreso l’evoluzione che stiamo viviamo) che si può svolgere il lavoro sognato e soddisfare davvero tutti quei bisogni reali e concreti (come il mantenere una famiglia, ad esempio) ed essere felici.

 

QUALI BENEFICI COMPORTA QUESTA INNOVAZIONE?

  1. La sostenibilità della produzione agro-alimentare
  2. Una dieta equilibrata
  3. Il possibile inserimento di una produzione in larga scala per far conoscere a tutti quest’idea che potrebbe rivoluzionare il mondo del food in generale

Il concept di Open Meals è “Beyond the future of Sushi“, ma non dovremmo forse dire: “Beyond the future of food“?

Il cambiamento di cui parliamo c’è ed è evidente, non credi?
Conoscevi già la geniale idea del sushi in 3D?

 

Se l’articolo ti è piaciuto lasciaci un commento, e grazie per essere arrivato fin qui!

 

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp

Lascia un commento

Altri articoli

Business

Network Marketing, il Business del 21° secolo.

Le scatole in foto rappresentano uno dei tanti progetti che stiamo toccando con mano. Abbiamo studiato e compreso il momento storico che ha portato questo nuovo mercato al suo massimo “splendore” e abbiamo deciso di metterci in gioco, ancora una volta. La nostra nuova avventura è strettamente collegata alla parola royalties: una modalità di guadagno slegata

Leggi Tutto »
Pink Different - L’ARTE DELLO STORYTELLING- LA POTENZA DELLE PAROLE_Marketing
Marketing

L’arte dello storytelling: la potenza delle parole

In questo articolo ti parleremo di quali e quante domande devi porti per capire se la comunicazione del tuo brand funziona e arriva, in modo chiaro e diretto, al tuo pubblico. Non scoraggiarti se non ci sei riuscito, riprova ancora. Gioca con le parole, lasciati trascinare da esse e crea una storia potente, vera e umana.

Leggi Tutto »
TikTok, Instagram, YouTube: la sfida dei video da 15 secondi
Business

TikTok, Instagram, YouTube: la sfida dei video da 15 secondi

In questo articolo ti parliamo dell’incredibile successo di TikTok e del format dei video da 15 secondi che ha conquistato molti utenti. Ti sarai di certo accorto che, da tre mesi, anche Instagram ha inglobato questo format nella sua app e attenzione attenzione… arriva anche YouTube a rilanciare.   TikTok è senza dubbio il social del

Leggi Tutto »

Iscriviti alla nostra Newsletter

Non perderti i nostri articoli.



Cliccando su "Invia" dichiaro di aver accettato le Condizioni Generali e la Privacy Policy.